Veleno dalla siringa

Tutto ciò che i critici dei vaccini Corona avevano previsto si è avverato, e molto di più.

I critici lo hanno detto fin dall'inizio, ed è ora evidente in tutti i dati e nei resoconti di molti media: la vaccinazione non è riuscita a combattere una pandemia che non esisteva comunque. Invece, sta creando scompiglio e uccidendo persone. L'entità e i danni a lungo termine sono difficili da comprendere, ma sono già così drammatici che alcuni scienziati e giornalisti parlano di genocidio. Ciononostante, il programma di vaccinazione viene portato avanti e si sta tentando di introdurre la vaccinazione obbligatoria.

Non solo Herbert Grönemeyer, che è stato vaccinato "diverse volte", ha dovuto recentemente rendersi conto che la vaccinazione non serve a nulla per prevenire l'infezione coronarica. In realtà, questo è noto da più di un anno ed è dimostrato da dati ufficiali da altrettanto tempo, nel frattempo anche ammessi da BioNTech nella sua relazione annuale. Invece di prevenire un'infezione da Corona, o perlomeno di evitare corsi gravi, si verifica il contrario: sono proprio coloro che sono stati vaccinati ad ammalarsi sempre più spesso e a morire. Così, in Israele, altamente vaccinato, le cifre dell'infezione stanno aumentando di nuovo, e anche il numero di casi gravi sta aumentando drammaticamente, tanto che ora si sta già pensando a una quinta dose di iniezione genica.

Lo stesso si evince dai dati ufficiali in Germania, che mostrano come la "vaccinazione" porti a un aumento della mortalità, e anche negli Stati Uniti le iniezioni di geni portano a un aumento dei decessi. Tutta una serie di Paesi la cui popolazione è "vaccinata" per l'80% o più sono costretti a reintrodurre misure severe come le serrate perché le "vaccinazioni" non portano alcun beneficio ma, al contrario, causano danni considerevoli. Il Portogallo, ad esempio, altamente vaccinato, riporta un aumento della mortalità in eccesso del 25% in media, con picchi fino al 42%, ma questo non è dovuto alla SARS-CoV-2. Anche in Corea del Sud, dove il 90% degli anziani è "vaccinato", la mortalità in eccesso sta salendo alle stelle.

La situazione non è diversa in Nuova Zelanda, dove il numero di persone vaccinate che si ammalano di corona è in costante aumento, mentre il numero di persone non vaccinate ricoverate in ospedale è in calo. L'esempio di questo Paese dimostra che è proprio il booster a portare a un eccesso di mortalità.

Anche nel Regno Unito sta diventando sempre più chiaro che, ad ogni vaccinazione, il rischio di contrarre il covid-19 e di morire aumenta invece di diminuire. Secondo i dati forniti da Israele, il rischio che i vaccinati contraggano il Covid è da 3 a 5 volte superiore rispetto a chi non è stato vaccinato. Nelle cliniche tedesche, ciò si manifesta con una carenza di personale. Perché il personale vaccinato sta abbandonando le cartelle, mentre allo stesso tempo aumenta il numero di pazienti.

Ciò significa che la cosiddetta iniezione genica "vaccinale" si rivela del tutto inefficace.

Anche l'RKI ammette che sono già stati registrati più di 2 milioni di cosiddette "scoperte vaccinali". Un nuovo studio suggerisce che ogni iniezione di mRNA aumenta addirittura il rischio di ospedalizzazione. Secondo il nuovo rapporto settimanale dell'RKI, l'82% dei pazienti ricoverati in unità di terapia intensiva con o affetti da corona è stato "vaccinato" almeno due volte, e il 69,5% è stato "vaccinato" addirittura tre volte. Non si può quindi parlare di un beneficio dell'iniezione in questo caso.

Se si considerano i dati, non sorprende che alti tassi di richiamo portino ad alte incidenze. Ciò risulta evidente, ad esempio, in Germania. In questo caso, le incidenze nella Germania orientale, meno vaccinata, sono inferiori a quelle della Germania occidentale, altamente vaccinata. Poiché non si può supporre che un virus conosca il vecchio confine interno alla Germania e che abbia paura di attraversarlo ancora oggi, la ragione può essere trovata solo nelle iniezioni di geni.

È dimostrato che l'iniezione non ha alcun beneficio in termini di contenimento del virus o di qualsiasi tipo di protezione, nemmeno, come il Ministro della Salute Karl Lauterbach proclama ripetutamente come ultimo baluardo della narrativa sulla vaccinazione, contro la "Covida lunga". Al contrario, le iniezioni di geni causano danni inimmaginabili e aumentano il rischio di malattie, ricoveri e morte.

Ciò è supportato anche dai dati del Canada, che mostrano come quasi 9 decessi su 10 avvengano tra coloro che sono stati vaccinati e 4 su 5 tra coloro che sono stati sottoposti a tripla vaccinazione. I dati di Statistics England mostrano che 530.000 persone vaccinate sono morte tra gennaio 2021 e marzo 2022. Di recente il Telegraph ha dovuto denunciare, in modo alquanto stupito, un eccesso di mortalità non dovuto a Corona. Anche in Italia si moltiplicano le morti improvvise. Fino a 100 si sono verificati nell'arco di due settimane, colpendo donne e uomini di tutte le età, compresi i bambini. È stato dimostrato che l'iniezione di geni riduce le possibilità di sopravvivenza a malattie gravi.

Una moltitudine di danni
Tuttavia, la malattia covidica non è l'unica conseguenza comune dell'iniezione. Esiste una moltitudine di altre malattie che causano un numero maggiore di morti "improvvisate e inaspettate". Questo è molto evidente negli atleti professionisti, che stanno lottando con problemi cardiovascolari come mai prima d'ora.

Dall'introduzione della "vaccinazione", il tasso di mortalità tra gli atleti è stato del 1.700% superiore a quello previsto in condizioni normali.

Da quando sono state distribuite le iniezioni corona, si è verificato un significativo eccesso di mortalità, soprattutto nella fascia d'età media, che prima non era percepibile, nel presunto anno pandemico 2020, ma che ora è segnalato tra i 20.000 e i 60.000 morti, a seconda dei calcoli. Questo si può osservare soprattutto nei Paesi che hanno fatto molto affidamento sulla "vaccinazione". Il trend delle lesioni da vaccino continua senza sosta, anche se il tasso di vaccinazione è in fase di stagnazione da mesi. Nel database dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) sono registrati 4,03 milioni di segnalazioni di effetti collaterali e 23.338 decessi, con un numero di casi non segnalati stimato tra il 60 e il 99%.

Che i dati dell'OMS non possano fornire un quadro completo è dimostrato dal confronto con il database dell'Agenzia Europea dei Medicinali (EMA), che riporta già almeno 25.000 decessi per la sola UE, oltre a quasi 2 milioni di casi sospetti di effetti collaterali, di cui almeno 1,3 milioni sono effetti collaterali "gravi" o "seri". Sono stati inoltre segnalati 151.037 ricoveri ospedalieri, 73.604 disabilità e 34.900 complicazioni pericolose per la vita. Se si vuole visualizzare questo dato, il numero di effetti collaterali segnalati corrisponde all'incirca alla popolazione di Amburgo. Tuttavia, solo una minoranza di casi viene segnalata.

Un quadro simile è presentato dalla banca dati statunitense VAERS. Il rapporto riporta 29.000 morti, 162.000 ricoveri ospedalieri, quasi 200.000 visite mediche e quasi 54.000 disabilità permanenti come conseguenza diretta dell'iniezione, falsamente chiamata "vaccinazione". Va notato che VAERS è un sistema di segnalazione volontaria che si stima registri solo l'1% degli eventi avversi.

Tuttavia, sono stati segnalati più di 1,3 milioni di danni da "vaccinazione". Non sorprende che una delle maggiori compagnie assicurative degli Stati Uniti, la Lincoln National, abbia registrato un aumento delle spese del 163%. La spesa per le polizze vita di gruppo è aumentata da 500 milioni di dollari nel 2019 a 1,4 miliardi di dollari nel 2022 nella fascia di età 18-64 anni. L'aumento nell'"anno pandemico" 2020 è poco significativo in termini percentuali. Solo con l'inizio dell'iniezione di geni aumentano.

L'alleggerimento degli ospedali, dichiarato come obiettivo delle misure e del programma di vaccinazione, non poteva quindi essere raggiunto affatto, anzi. Sono proprio i Paesi che hanno optato per la vaccinazione zero-covido e l'obbligo totale di vaccinazione che ora si trovano di fronte a una catastrofe umanitaria. La Nuova Zelanda e l'Australia ne sono un esempio. Qui gli ospedali sono stracolmi, tanto che il personale infermieristico non sa più dove collocare i pazienti. Inoltre, arrivano così tante chiamate di emergenza che non ci sono più abbastanza ambulanze disponibili. Anche in Germania l'iniezione di geni sta aggravando l'emergenza infermieristica; il carico di pazienti è talvolta del 45% superiore alla media, come ha riferito Hans-Peter Schlaudt, amministratore delegato della Klinikum Hochrhein GmbH.

Soprattutto i giovani sono sempre più spesso ricoverati con disturbi cardiovascolari e trombosi. I media continuano a definire "misteriosa" questa frequente evenienza, inventando anche un nuovo nome, "Sindrome della morte improvvisa dell'adulto" (Sudden Adult Death Syndrome, SADS), per nascondere il legame con la "vaccinazione". Inoltre, le malattie e i disturbi neurologici si stanno accumulando in un numero senza precedenti.

Gli effetti collaterali e le malattie causate dall'iniezione stanno diventando sempre più evidenti. Si tratta di una varietà quasi ingestibile di disturbi, malattie e danni che vengono scatenati dall'iniezione. Possono quindi essere elencati solo a titolo di esempio.

Madri e bambini
Naomi Wolf parla di genocidio dopo aver valutato parte delle 55.000 pagine di documenti che Pfizer ha dovuto citare in giudizio. Più di 3.000 esperti medici hanno valutato i documenti e fatto scoperte sconvolgenti. I dati rivelano che i dipendenti di Pfizer sapevano già dal dicembre 2020 che le iniezioni non funzionavano e che la malattia di Covid era una delle conseguenze più comuni. Al più tardi nel maggio 2021, Pfizer era anche consapevole che le siringhe danneggiavano il cuore dei giovani; ciononostante, la Food And Drug Administration (FDA) statunitense raccomandava la "vaccinazione" anche per i bambini e gli adolescenti.

Negli studi interni sono già stati registrati 42.000 effetti collaterali. 1.200 persone sono morte, quattro delle quali nello stesso giorno in cui hanno ricevuto l'iniezione del gene.

La siringa contiene anche PEG, un derivato del petrolio così altamente allergenico che anche una minima quantità è sufficiente a scatenare uno shock anafilattico in molte persone. L'allergia alla PEG non è tuttavia considerata una controindicazione all'iniezione e i pazienti affetti non sono stati informati. La cosa più spaventosa, tuttavia, è che la riproduzione stessa è vittima di queste "vaccinazioni". Questo perché le nanoparticelle in cui viene trasportato l'mRNA penetrano anche nella vita in via di sviluppo nell'utero, dove causano gravi danni.

Ma non solo: gli ingredienti nocivi, come le proteine spike, entrano anche nel latte materno e vengono quindi trasferiti al bambino durante l'allattamento. Nei test interni di Pfizer si sono già verificati decessi dovuti all'infiammazione del bambino, ma anche gravi disturbi dello sviluppo. In molti casi, il latte materno diventava verdastro o bluastro, mentre altre madri non riuscivano più a produrre alcun latte materno. Grandi quantità di PEG sono state trovate anche nel latte materno.

Inoltre, le citochine prodotte in massa dalla "vaccinazione" migrano nel latte materno. Si trasferiscono al bambino e innescano una sovraeccitazione permanente del sistema immunitario, che porta a malattie e può anche danneggiare il cervello. Questo ostacola lo sviluppo sano del bambino, portando persino a una morte precoce. Esiste anche una correlazione tra alti livelli di citochine nelle donne e aborti spontanei.

È quindi una sorprendente coincidenza che la FDA abbia chiuso la Abbot, un'importante azienda produttrice di alimenti per l'infanzia, mentre allo stesso tempo Bill Gates, Mark Zuckerberg e Jeff Bezos - quegli oligarchi che ci hanno anche deliziato con la narrazione del COVID e/o ne hanno tratto profitto - stanno finanziando un'azienda chiamata Biomilq per produrre latte materno da cellule mammarie in laboratorio. Così, le madri che non possono più allattare i loro bambini saranno costrette ad acquistare i prodotti Biomilq. In questo modo, le grandi imprese spietate stanno creando con la forza un mercato di cui prima non c'era bisogno.

Le nanoparticelle lipidiche rendono la siringa ancora più pericolosa, in quanto possono scatenare shock anafilattici, come spiega il patologo Ryan Cole. Secondo l'autore, l'80% della popolazione ha già sviluppato anticorpi contro il polietilenglicolo che contengono. Questo, secondo lui, è il motivo per cui le persone sono morte nei centri di vaccinazione. Ma queste nanoparticelle lipidiche si accumulano nelle ovaie. In questo caso ostacolano la naturale capacità di riprodursi, il che può portare all'infertilità o a gravi malformazioni nei bambini, nonché ad aborti spontanei.

Non sorprende che in Scozia, ad esempio, la mortalità infantile stia aumentando in modo sproporzionato, il che significa che la "vaccinazione" sta uccidendo i bambini piccoli. Analogamente, all'ospedale RamBam di Haifa, in Israele, il numero di neonati morti e di aborti spontanei è aumentato del 34% nel 2021. Il database VAERS degli Stati Uniti parla di oltre 4.700 aborti spontanei direttamente collegati all'iniezione di geni. Si noti ancora una volta che questi sono solo i casi segnalati. Il numero di casi non segnalati è enorme.

Secondo il ginecologo americano James Thorp, le iniezioni aumentano addirittura di 100 volte il numero di malformazioni nei bambini. Ma anche questo non sorprende gli ex dipendenti di Pfizer.

Gli stessi documenti della Pfizer mostrano che negli studi il 97% delle donne incinte ha perso i propri figli a causa della "vaccinazione". Tutto sommato, dai documenti si evince che Pfizer non poteva certo escludere uno spopolamento di massa come risultato dell'iniezione di geni. Questo è il motivo per cui Naomi Wolf parla di genocidio. La "vaccinazione" non solo mette in pericolo la fertilità delle madri, ma anche la salute dei bambini, che possono essere danneggiati o addirittura uccisi nel grembo materno e successivamente attraverso il latte materno. Pertanto, l'iniezione mette chiaramente in pericolo la capacità riproduttiva dell'umanità in generale, mentre allo stesso tempo danneggia gravemente, rende sterili o uccide le persone individualmente.

Anche i dati dell'Ufficio federale di statistica sui nati vivi mostrano un calo nel 2021/2022. Mentre nel mese di gennaio di ciascuno degli anni dal 2015 al 2021 si sono registrati ben 60.000 nati vivi, questa cifra è scesa a poco meno di 53.000 per il gennaio 2022. Sebbene ciò possa essere attribuito a una serie di fattori, dovrebbe essere un chiaro segnale d'allarme che richiederebbe un'indagine più approfondita, soprattutto se il più grande esperimento medico della storia viene condotto su larga scala. Anche il tasso di natalità dell'Ungheria è crollato del 20%, nove mesi dopo l'inizio della campagna di vaccinazione.

Anche in Svezia il tasso di natalità è crollato a livello nazionale esattamente 9 mesi dopo l'inizio della campagna di vaccinazione. Il Paese confuta così l'obiezione della stampa di propaganda secondo cui il calo della natalità in Germania sarebbe dovuto alla serrata, che ha portato a un anticipo delle nascite all'anno 2021. Questo perché in Svezia non c'è stata alcuna chiusura.

Tendenze simili si osservano in Austria, Svizzera e persino nel resto del mondo. In Islanda, il numero di nati morti è quasi raddoppiato nel 2021. Le forze armate americane segnalano anche un aumento del 300% dei nati morti tra le donne soldato nel 2021. Entrambi i Paesi hanno iniziato le loro "campagne di vaccinazione" già nel dicembre 2020.

La minaccia alla capacità riproduttiva femminile è aggravata da un effetto simile sulla fertilità maschile, come ha rilevato uno studio israeliano, si potrebbe dire ripetutamente e per finire.

Chi si chiede come sia possibile tutto questo deve tenere presente che i "vaccini" sono ancora sostanze sperimentali contenenti sostanze esplicitamente non adatte all'uso sull'uomo. Somministrare tali sostanze a donne incinte, madri che allattano o bambini piccoli in modo così sfrenato è di fatto irresponsabile e probabilmente storicamente un evento unico. Inoltre, va aggiunto che anche la talidomide è stata studiata per un periodo più lungo rispetto a queste iniezioni di geni. Nemmeno il rapporto interno di Pfizer, che prevedeva molti effetti collaterali, è stato un avvertimento sufficiente per far sì che l'azienda interrompesse l'esperimento.

Malattie gravi
Tuttavia, esiste anche tutta una serie di malattie, normalmente piuttosto rare, come la malattia di Creutzfeldt-Jakob, che possono insorgere in seguito all'iniezione di geni. Questa malattia è meglio conosciuta nel contesto dello scandalo della BSE. La causa sono le proteine mal ripiegate, i cosiddetti prioni, che si accumulano nel cervello e portano alla morte del tessuto cerebrale. Questi prioni sono stati trovati anche sulla proteina spike del coronavirus, che è quindi probabilmente il fattore scatenante della malattia.

È interessante notare che questa regione prionica non è più presente nella variante Omikron e quindi non rappresenta un pericolo. Anche con le varianti precedenti, un'infezione naturale non era praticamente associata ad alcun rischio, poiché le proteine spike entrano nel flusso sanguigno solo in minima parte e si diffondono in tutto il corpo in casi particolarmente gravi.

Diverso è il caso delle "vaccinazioni", dove queste proteine vengono prodotte miliardi di volte nell'organismo e diffuse. Questo aumenta anche il rischio di Creutzfeldt-Jakob. Mentre normalmente passano anni dall'infezione ai primi sintomi, con la "vaccinazione" questo avviene molto più rapidamente. In media, passano meno di 12 giorni dal momento della "vaccinazione" ai sintomi gravi, e anche la morte sopraggiunge poco dopo. Questa velocità lascia pochi dubbi sul fatto che l'iniezione sia il fattore scatenante della malattia.

Così come le nanoparticelle possono penetrare nell'utero, penetrano anche nella barriera emato-encefalica, il che spiega lo sviluppo della malattia di Creutzfeldt-Jakob e i danni neurologici persistenti. Stiamo parlando di paralisi, ictus cerebrali, dolori nervosi e molti altri sintomi contro i quali la professione medica unita sembra essere impotente, quando non perde tempo a diffamare i pazienti che sono stati così danneggiati. Queste malattie sono molto gravi e limitano gravemente chi ne è affetto per molto tempo, se non per tutta la vita. Possono anche portare a disabilità permanenti e a una morte precoce. La distruzione dei neuroni nel cervello può quindi essere una conseguenza delle iniezioni di geni. Tali danni sono noti per le malattie degenerative come il morbo di Alzheimer.

Inoltre, l'iniezione danneggia il sistema immunitario innato e naturale e porta a una sindrome da immunodeficienza che assomiglia in modo spaventoso all'AIDS e che per questo viene chiamata VAIDS, ovvero sindrome da immunodeficienza indotta da vaccino. Il fatto che questa sindrome esista e non sia un mito, come alcuni media affermati cercano ancora di raccontarci, è stato recentemente confermato da un'analisi del sangue di persone affette, avviata dallo studio legale Rogert e Ullbrich.

VAIDS significa che, sebbene i sintomi scompaiano dopo un po' di tempo, i virus rimangono nell'organismo e causano gravi danni, portando a una malattia cronica, nel caso di Corona "COVID lunga". Allo stesso modo, tutte le altre malattie associate alla "vaccinazione" ne sono favorite. Ad esempio, secondo i dati del database americano VAERS, il numero di malattie correlate all'AIDS nel 2021 è aumentato tra il 1.145 e il 33.715 per cento rispetto all'anno precedente. La VAIDS comporta una drastica riduzione dell'aspettativa di vita delle vittime che ne sono affette. Anche le malattie autoimmuni, in cui il sistema immunitario si rivolta contro il proprio corpo, stanno diventando sempre più comuni.

Il fatto che l'mRNA rimanga nell'organismo per mesi, soprattutto nei linfonodi, e non venga degradato dopo poco tempo, è stato dimostrato da tempo. È inoltre certo che l'mRNA viene incorporato nel DNA per mezzo della trascrittasi inversa, il che rende la proteina spike un ospite permanente nel corpo umano e quindi include anche la potenziale trasmissione alla prole.

Le cellule così alterate, che si trovano in qualsiasi parte del corpo, compresi gli organi e il cervello, non svolgono più la loro funzione effettiva, ma formano proteine di punta. Le cellule cerebrali, epatiche e cardiache diventano così fabbriche di spike, inondando l'organismo di questa tossina un miliardo di volte.

Le cosiddette vaccinazioni hanno il potenziale di distruggere il sistema immunitario e dovrebbero quindi essere interrotte. Le proteine del picco circolano nell'organismo per almeno quattro mesi, causando gravi danni. Questo perché è stato dimostrato che si tratta di una tossina, una sostanza velenosa. Inoltre, l'iniezione di geni dà inizio a un effetto di potenziamento dipendente dagli anticorpi (Antibody Dependant Enhancement), che porta a una "dipendenza da vaccino" perché la formazione di anticorpi dipende dall'aggiunta delle sostanze.

Una volta iniettati, le persone devono quindi essere sottoposte a ripetute iniezioni per sviluppare anticorpi, ma questi sono adatti solo alla prima variante del coronavirus, il che significa che l'organismo non forma anticorpi neutralizzanti contro le altre varianti e quindi favorisce addirittura la malattia. Inoltre, nei pazienti sono state osservate infezioni complesse che non potevano essere controllate nemmeno dopo un lungo periodo di tempo e con l'uso di farmaci pesanti.

Malattie cardiovascolari
Un effetto collaterale frequente della "vaccinazione" è anche la coagulazione del sangue, che provoca trombosi, infarti, ictus ed embolie polmonari, ma anche una serie di sintomi più diffusi associati a danni agli organi e ai vasi sanguigni dovuti a microtrombi. Ciò si riflette anche nell'aumento delle segnalazioni di attacchi cardiaci tra i piloti. Sono sempre più numerosi i casi di attacchi cardiaci in volo, che non fanno presagire nulla di buono per la sicurezza dei viaggi aerei. L'attuale caos nei viaggi aerei è quindi in parte dovuto agli alti tassi di infezione tra le persone vaccinate e ad altre malattie come gli attacchi di cuore tra il personale delle compagnie aeree. Ma naturalmente anche il traffico stradale e ferroviario ne risente, causando numerosi incidenti.

La gravità del problema delle malattie del sangue e dei vasi sanguigni diventa evidente quando ci si rende conto che per quest'anno sono già stati esauriti quasi tutti i farmaci che favoriscono la coagulazione del sangue. L'azienda produttrice Boehringer Ingelheim, ad esempio, ha già pubblicato una lettera in aprile in cui afferma che i principi attivi Actilyse e Metalyse, necessari a questo scopo, saranno difficilmente disponibili o non lo saranno affatto entro la fine del 2022. Secondo l'azienda, sempre più pazienti sono sottoposti a terapia tromboembolica. Le capacità produttive non sono ancora state adeguate a questa crescente domanda. Secondo l'azienda, la situazione delle forniture rimarrà "stretta" per i prossimi 2 anni. Se questi farmaci non sono più disponibili, l'unica alternativa è quella di eliminare le trombosi dai pazienti.

Cancro
Un'altra conseguenza dell'iniezione di geni è il cancro. Il tumore è innescato dall'iniezione e può manifestarsi in qualsiasi parte del corpo, spesso direttamente nel punto dell'iniezione, oppure si ripresenta un tumore precedente che era ben controllato. Ciò che colpisce è che la crescita del tumore è notevolmente accelerata, tanto che i medici parlano di turbo cancro.

L'iniezione di geni diventa un problema anche nei trapianti di organi. Questo perché gli organi provenienti dalle vittime di vaccinazione non sono accettati dagli organismi ospitanti o sono associati a un maggior rischio di trombosi. È probabile che le donazioni di sangue da parte di persone che si iniettano sangue siano altrettanto problematiche. Poiché il sangue non solo contiene le proteine del picco, ma tende anche a raggrumarsi, in molti casi è improbabile che sia utilizzabile. Questa potrebbe essere una possibile ragione dell'attuale carenza di sangue.

Come si può vedere, la "vaccinazione" danneggia l'organismo in così tanti modi che questa sostanza tossica dovrebbe essere vietata. Più di 45 malattie gravi che cambiano la vita e sono mortali sono state attribuite all'iniezione. Presenta gravi rischi per la salute che i responsabili conoscono da tempo.

Proprio per questo motivo, c'è il forte sospetto che l'omicidio di massa avvenga consapevolmente. Le persone colpite spesso non ricevono alcun sostegno perché i medici sono incapaci o non sono disposti ad aiutarle. Almeno l'ospedale universitario di Marburgo ha istituito un ambulatorio speciale, il cui tempo di attesa è attualmente di almeno 9 mesi, un'indicazione dell'entità del danno.

Nessuna "vaccinazione", nessun effetto collaterale
Il fatto che la proteina spike sia una tossina è in realtà noto da tempo, ma si può leggere anche in più di 500 articoli scientifici. Ciò si evince anche dai dati ufficiali di Pfizer. Questo significa che l'iniezione, che viene chiamata "vaccinazione", non lo è. Invece, alle persone viene iniettato un frammento di gene che codifica per una tossina, che poi si diffonde nel corpo e può danneggiarlo in molti modi.

Anche gli "effetti collaterali" non sono quindi effetti collaterali, ma le conseguenze dell'avvelenamento dell'organismo e l'unico effetto di queste iniezioni. Infatti non proteggono in alcun modo da alcun tipo di malattia, ma al contrario non fanno altro che nuocere.

Le aziende farmaceutiche che producono questo veleno erano a conoscenza di tutto questo. Pertanto, negli studi interni di Pfizer, almeno 800 partecipanti allo studio non hanno completato lo studio perché sono morti, sono stati feriti dal veleno o hanno ritirato il loro consenso. Naomi Wolf e il suo team parlano addirittura di 1.400 morti.

I dati, che l'azienda aveva originariamente voluto tenere segreti per 75 anni e che sono venuti alla luce solo grazie a una causa legale, anticipano tutto ciò che stiamo vivendo attualmente su larga scala. Di conseguenza, anche le autorità governative dovevano esserne a conoscenza. Il fatto che abbiano comunque permesso questo veleno e lo abbiano imposto alle persone con pressioni e a volte con l'aperta coercizione è una dimensione di criminalità difficilmente misurabile.

Copertura
Nel frattempo, le autorità statali stanno facendo del loro meglio per nascondere la piena portata del disastro. I dati non vengono raccolti, o vengono raccolti in modo inadeguato, o non vengono pubblicati affatto. Tuttavia, si può calcolare che potrebbe esserci un decesso ogni 4.000 dosi di vaccino somministrate in Germania, Gran Bretagna e Danimarca. In totale, 45.000 persone potrebbero essere diventate vittime fatali della "vaccinazione" nella sola Germania. Altri rapporti indicano 250.000 morti per vaccinazione negli USA e da 50.000 a 75.000 in Germania. In definitiva, già l'anno scorso si sapeva che le "vaccinazioni" uccidono 200 persone per salvarne una. Anche questo presunto risparmio è di dubbia natura. L'efficacia della "vaccinazione" può essere dimostrata sempre meno.

Ma il numero di casi non segnalati è enorme in tutte queste serie di dati, perché la maggior parte dei medici non segnala i danni, come sottolinea Steven Kirsch, informatico e imprenditore americano, in una conferenza. Si conclude che una persona "vaccinata" su mille muore a causa della "vaccinazione". Con circa 5 miliardi di persone "vaccinate" finora, ciò significa già 5 milioni di morti. In tutto il mondo, quindi, potrebbero essere già morte più persone a causa di quella che viene spacciata per una misura medica rispetto alla popolazione combinata di Berlino e Colonia. Sicuramente sono morte più persone a causa dell'iniezione che a causa di Corona.

Gli effetti collaterali gravi possono verificarsi in circa l'1%, ovvero in una persona "vaccinata" su cento. Ciò è anche in linea con l'analisi che Harald Matthes ha preparato per la Charité di Berlino, successivamente ritrattata da quest'ultima. Un nuovo documento dell'Associazione Nazionale dei Medici di Assicurazione Sanitaria (KBV) suggerisce che il 4,7% dei vaccinati ha dovuto recarsi dal medico dopo aver ricevuto l'iniezione. Secondo il documento, solo nel 2021 ci sono stati almeno 2,5 milioni di persone che hanno subito effetti collaterali da vaccino, mentre l'Istituto Paul Ehrlich ha registrato solo 244.576 "casi sospetti" di effetti collaterali per lo stesso anno.

Il KBV ha persino dovuto correggere in seguito queste cifre verso l'alto. Ora si conta una visita medica per ogni 61 iniezioni somministrate. Non si tratta, come comunicato dai media e dai politici, di effetti collaterali lievi e temporanei. Dopo tutto, chi va dal medico per un arrossamento nel punto di iniezione o un leggero dolore?

Esistono innumerevoli resoconti dei media e testimonianze private, che ovviamente riflettono solo una minima parte della portata reale. Ecco una panoramica dei cosiddetti effetti collaterali per i quali le persone sono costrette a rivolgersi a un medico. I sintomi sono molto simili e molte delle vittime hanno una cosa in comune: sono state lasciate sole.

Tuttavia, tutto questo descrive solo gli effetti a breve termine che si stanno già manifestando. Ciò che deve ancora accadere nel lungo periodo non può essere assolutamente previsto. Il cosiddetto vaccino Covid è già stato descritto da alcuni medici e scienziati come un'arma biologica o un'arma nucleare medica che potrebbe uccidere fino a 700 milioni di persone nei prossimi anni e danneggiarne in modo permanente molte di più.

Ma anche se il numero di casi non segnalati è difficile da stimare, i dati ufficiali sono già sufficienti a far scattare un forte segnale di allarme che dovrebbe portare all'immediata revoca dell'autorizzazione delle sostanze e a un'indagine approfondita. Questo è il risultato di un rapporto dell'organizzazione di cittadini "World Council for Health".

L'organizzazione ha riscontrato in tutti i database pubblicamente accessibili che il numero di segnalazioni di reazioni avverse alle iniezioni di farmaci è da 10 a 169 volte superiore a quello di prodotti analoghi. Il rapporto collega più di 40.000 decessi alle iniezioni e la maggior parte delle segnalazioni riguarda danni gravi.

Nel complesso, i dati riportati sono sufficienti a far scattare un richiamo del prodotto. Non sarebbe nemmeno necessario dimostrare il nesso di causalità tra siringhe e conseguenze gravi. La semplice possibilità di un tale legame rende necessario un richiamo. Questo per garantire la sicurezza del paziente.

Troppo poco, troppo tardi
Anche i media pubblici, dopo aver in precedenza rimproverato gli scienziati e i giornalisti che avevano messo in guardia dalle complicazioni della vaccinazione, hanno iniziato a parlare delle complicazioni della vaccinazione. Ciò dimostra che non si può fare affidamento su questi mezzi di comunicazione. Fin dall'inizio della narrazione di Corona, si sono schierati senza remore, insultando e diffamando ogni critico.

Ora, quando il danno è fatto, si sfregano gli occhi per lo stupore e si riferiscono dei danni che si sarebbero potuti evitare se questi media avessero fatto il loro lavoro invece di imporre con la forza un'ideologia. Così facendo, questi cosiddetti giornalisti si squalificano da soli.

Inoltre, l'intera portata di questo genocidio, come lo definisce Naomi Wolf, viene minimizzata e insabbiata. Invece di un'incessante rivalutazione, si ammette solo lo stretto necessario, che in realtà non può essere affatto nascosto. Perché, in linea di massima, i media sostengono l'insabbiamento riferendo, ad esempio, che il numero crescente di trombosi è dovuto al caldo, o parlando di rari "casi individuali". In questo modo si minimizza la portata della catastrofe.

I politici e i media parlano attualmente di "ondata estiva", e in effetti gli ospedali sono insolitamente affollati. Inoltre, si registra anche un aumento estremo delle operazioni di soccorso, tanto che in alcuni casi non ci sono più veicoli di soccorso disponibili. Con ogni probabilità, tuttavia, la causa non è un coronavirus, poiché questo non circola affatto in estate.

Invece, la vaccinazione è il fattore scatenante di questa, come di ogni altra "ondata". Come spiegato, infatti, l'iniezione distrugge il sistema immunitario dei soggetti iniettati, rendendoli così suscettibili a tutti i tipi di malattie, conseguenti disturbi e malattie devastanti che spesso richiedono il ricovero in ospedale. La scelta del termine "onda corona" non è quindi altro che un tentativo di nascondere gli immensi danni causati dall'iniezione.

Nonostante l'ormai incalcolabile devastazione che le iniezioni di geni hanno causato e stanno ancora causando, gli Stati tedeschi di Baviera, Assia e Baden-Württemberg stanno facendo un nuovo tentativo di imporre la vaccinazione obbligatoria a livello federale. Ci si può aspettare un altro tentativo in tal senso in autunno, quando i dati insignificanti sull'incidenza saranno di nuovo gonfiati in un'"ondata". Poiché la Corte Costituzionale Federale ha dato la sua approvazione all'obbligo di vaccinazione nelle istituzioni, la soglia di inibizione è ora molto più bassa rispetto ad aprile.

Il "consiglio di esperti" del governo federale sta già sottolineando che per il prossimo autunno e inverno la "vaccinazione" deve essere nuovamente intensificata. Anche l'UE si sta rifornendo di ulteriori dosi di veleno da distribuire su larga scala - visti i danni evidenti, un annuncio penale di omicidio, omicidio colposo e lesioni personali in milioni di casi. La vaccinazione obbligatoria per gli operatori sanitari è ancora in vigore, così come l'obbligo di tolleranza per i soldati è stato ora sancito dai tribunali. Anche questo è omicidio e lesioni personali in migliaia di casi.

Allo stesso tempo, la vaccinazione di bambini e neonati viene portata avanti, nonostante l'inefficacia e i danni dimostrati.

Sono già stati segnalati casi di encefaliti, gravi emorragie, shock anafilattico o altre conseguenze talvolta fatali nei bambini dopo la somministrazione di una "vaccinazione", anche se non è ancora stata approvata per i bambini. In alcuni luoghi si stanno distribuendo booster ai bambini, anche se questo gruppo non è affatto interessato da Corona.

È un atto criminale contro la vita. E nonostante sia stato dimostrato che dopo la somministrazione del nuovo "vaccino" Novavax, si verifica un numero di malattie cardiache 6 volte superiore rispetto ai soggetti che non ricevono questa sostanza, la nuova sostanza tossica sta per essere approvata dalla FDA.

Invece di ulteriori restrizioni e misure coercitive, si dovrebbe procedere a una rivalutazione giuridica. Dovrebbero essere aperti procedimenti per omicidio, omicidio colposo, lesioni personali e molti altri reati contro i responsabili politici, i giornalisti, i medici, le case farmaceutiche e gli impiegati dei centri di vaccinazione che, attraverso pressioni moralizzatrici, coercizione economica, frodi, bugie o campagne diffamatorie, hanno spinto le persone a essere "vaccinate" per combattere una pandemia che non è mai esistita.

Articolo originale: https://www.rubikon.news/artikel/gift-aus-der-spritze

Condividi questo articolo

it_IT